Menu Filter

Colonia “Firenze” La colonia a pettine sulla spiaggia di Calambrone

Colonia “Firenze”

Viale Tirreno 70-72 Calambrone, Pisa, Italy
ARCHITECTS NAME: Vannozzi

  • CONSTRUCTION YEAR: 1931


  • SPACE TYPE: Holiday camp

  • PRESERVATION STATUS: Abandoned

Tags: colonia, healthcare, holiday camp, Italy, Totally Lost 2013

La Colonia Firenze è una colonia marina di villeggiatura estiva a Calambrone, frazione di Pisa, costruita nel 1931- 1932 dall’architetto Vannozzi per la Gioventù Italiana Littorio.

Ha una forma a “pettine” con più padiglioni disposti perpendicolarmente al litorale e raccordati a est da un lungo corridoio di distribuzione in asse. Dall’ingresso sul viale Tirreno si arriva al corpo centrale, dove si trovava la direzione e gli uffici amministrativi, caratterizzato da un loggiato con colonne in laterizio. Quattro padiglioni longitudinali padiglioni, disposti simmetricamente a due a due, erano occupati dalle camerate e dai servizi, per uno sviluppo su due piani. Alle estremità nord e sud vi sono due padiglioni destinati a refettorio con le cucine e a camerate di dimensioni inferiori.

Nell’edificio sono da notare, oltre alle forme e alla razionalità degli spazi, l’assoluta autonomia di ogni blocco che, permette un funzionamento anche parziale della Colonia stessa. I motivi decorativi in cotto nei prospetti conferiscono un aspetto architettonico eclettico unico nel suo genere rispetto alle altre Colonie. All’esterno il complesso era circondato da un’ampia pineta-giardino, per un totale di 32.867 m². Attualmente tale pineta è stata abbattuta a causa dell’attacco del Matsucoccus (una cocciniglia che causa la morte dei pini) e non è previsto un reimpianto, in quanto la zona dovrebbe divenire parcheggio.

Il complesso adesso è in stato di abbandono e, dopo l’inizio dei lavori per il recupero della Colonia Vittorio Emanuele II, sarà l’ultima colonia ancora da recuperare a Calambrone.

Fonte: Wikipedia

Guarda altre foto su www.linthout.it

FacebookTwitterGoogle+PinterestTumblrShare
CONTRIBUTOR: Lorenzo Linthout