Menu Filter

Podere Solvay “Alba e Respiro” Un magazzino in pieno regime aturachico

Podere Solvay “Alba e Respiro”

Via Aurelia, 57018 Vada (LI), Italia

  • CONSTRUCTION YEAR: 1942


  • SPACE TYPE: Storehouse

  • PRESERVATION STATUS: Abandoned

Tags: Italy, Totally Lost 2013

La Soc. Solvay negli anni precedenti alla Seconda Guerra Mondiale riorganizza il sistema produttivo all’interno dei sui possedimenti agricoli costruendo alcuni nuovi poderi e riadattando quelli preesistenti.

È in questa piano di riorganizzazione che trova senso la costruzione di questo podere, situato lungo la Via Aurelia, con il fronte principale rivolto alla strada, denominato “Alba e respiro” (siamo in pieno regime aturachico); e munito di un magazzino deposito dalla particolare copertura voltata di profilo parabolico. Un’unica superficie che svolge insieme la funzione della copertura a quella del tamponamento realizzata in laterocemento. L’edificio doveva funzionare come magazzino di stoccaggio di servizio al podere.

Ne esiste un altro identico distante poche centinaia di metri in stato di rovina. In quegli anni lavorano a più riprese per la Soc. Solvay, l’arch. Gamberini, fra i progettisti della stazione S. Maria Novella di Firenze, e l’ing. Nervi autore dei famosi hangar di Orbetello.

FacebookTwitterGoogle+PinterestTumblrShare
EXPLORATION DATE: 2013
CONTRIBUTOR: Marco Caciagli